Colon infiammato: cosa prendere? Tutti i rimedi

da | Mar 16, 2024

Home » Salute » Disturbi » Colon infiammato: cosa prendere? Tutti i rimedi

L’infiammazione del colon è un disturbo di tipo cronico e può rimanere silente a lungo. Caratterizzata da fastidi addominali, dolori, cambiamenti nella frequenza e nella consistenza delle feci, è una problematica che riguarda l’intestino e che può risultare piuttosto complessa da gestire. Le cause dell’infiammazione intestinale possono variare molto da caso a caso: includono ad esempio fattori genetici, infezioni, disfunzioni del sistema immunitario e l’esposizione a determinati farmaci oppure alimenti. In alcuni casi, lo stress e lo stile di vita possono anche influenzare e aggravare la condizione, contribuendo allo sviluppo o all’aggravamento dei sintomi associati all’infiammazione. Ma cosa fare, dunque, in caso di intestino infiammato? Scopriamolo insieme con questo articolo di blog. 

Extra: sindrome del colon irritabile vs intestino infiammato: cosa cambia?

Prima di addentrarci nei possibili rimedi per l’infiammazione intestinale, è importante specificare una differenza tra “intestino infiammato” e “colon irritabile”, due condizioni spesso confuse tra loro.La sindrome del colon irritabile (IBS) è una condizione funzionale caratterizzata da disturbi del movimento intestinale e dolore addominale senza evidenze di infiammazione intestinale visibile. Al contrario, nel caso dell’intestino infiammato, come nella malattia infiammatoria intestinale (IBD), ci troviamo di fronte ad un’infiammazione cronica evidenziabile con esami specifici. La distinzione tra queste condizioni si basa, dunque, sulla presenza o assenza di infiammazione organica e sui relativi sintomi e trattamenti.

Infiammazione del colon: cosa prendere? I rimedi farmacologici

Prima di tutto specifichiamo che per qualsiasi trattamento è necessario prima ascoltare il proprio medico di base, che potrà valutare la cura migliore caso per caso. In generale, comunque, esistono diversi rimedi che possono aiutare a gestire e alleviare questi sintomi. Di seguito, ecco un elenco dei trattamenti migliori per affrontare i sintomi dell’infiammazione del colon:

  • Farmaci anti-infiammatori: gli anti-infiammatori specifici per le malattie intestinali, come la mesalazina, sono spesso prescritti per ridurre l’infiammazione del colon. Questi farmaci aiutano a controllare i sintomi e a prevenire ulteriori danni al rivestimento intestinale.
  • Farmaci biologici: per i casi più severi di malattie infiammatorie intestinali, possono essere prescritti farmaci biologici come  infliximab o adalimumab, che agiscono specificamente su determinati percorsi dell’infiammazione. Questi trattamenti sono mirati e possono offrire sollievo a lungo termine dai sintomi.
  • Antibiotici: utilizzati in maniera specifica per trattare infiammazioni del colon causate da infezioni batteriche, gli antibiotici possono eliminare i batteri patogeni e alleviare i sintomi dell’infiammazione. Va specificato che questi farmaci sono prescritti con cautela, solo dopo aver identificato la presenza di un’infezione, per evitare resistenze agli antibiotici e mantenere l’equilibrio della flora intestinale.
  • Terapia con corticosteroidi: in casi di infiammazione grave, i medici possono prescrivere corticosteroidi per ridurre rapidamente l’infiammazione. Tuttavia, questi farmaci sono generalmente utilizzati per periodi brevi a causa dei loro potenziali effetti collaterali.

I rimedi naturali per il colon infiammato 

Di seguito, invece, un elenco dei possibili rimedi naturali:

  • Aloe Vera: conosciuta per le sue proprietà lenitive e cicatrizzanti, l’Aloe Vera può aiutare a calmare l’infiammazione del colon e favorire la riparazione della mucosa intestinale.
  • Camomilla: possiede proprietà antinfiammatorie e rilassanti, utili per alleviare il dolore e il disagio associati all’infiammazione del colon.
  • Curcuma: è ricca di curcumina, un potente antinfiammatorio naturale. Può ridurre l’infiammazione del colon e migliorare la digestione.
  • Zenzero: ha proprietà analgesiche e antinfiammatorie e può dunque aiutare a ridurre il dolore e l’infiammazione associati a disturbi intestinali.
  • Semi di lino: contengono acidi grassi omega-3 che hanno effetti antinfiammatori. Possono inoltre migliorare il transito intestinale grazie al loro contenuto di fibre.
  • Tè verde: ricco di antiossidanti, il tè verde può contribuire a ridurre l’infiammazione e proteggere le cellule del colon.
  • Olio di menta piperita: Utilizzato per le sue proprietà antispasmodiche, può aiutare a rilassare i muscoli del tratto gastrointestinale, riducendo i sintomi come il dolore e i crampi.

Cosa prendere per il colon infiammato: cibi consigliati 

Nell’infiammazione del colon, l’alimentazione svolge un ruolo importante. Tuttavia, non è necessario seguire una dieta rigida, ma bisogna avere piccole accortezze a seconda dei sintomi. Cosa prendere con il colon infiammato? Innanzitutto va detto che risulta essenziale evitare pasti abbondanti e masticare in modo pacato, senza esagerazioni. Ma quali cibi è preferibile scegliere?

I cibi da prendere in caso di colon infiammato

Ecco un elenco di cibi consigliati: 

  • Banane: facili da digerire e ricche di potassio, le banane possono aiutare a normalizzare la funzionalità intestinale.
  • Riso bianco: un’opzione di carboidrati semplici che può essere facilmente tollerata e aiuta a fornire energia senza irritare il colon.
  • Purea di mele: ricca di fibre solubili e pectina, può aiutare a regolare il movimento intestinale.
  • Carote cotte: forniscono una buona quantità di beta-carotene, una forma di vitamina A, e fibre che possono essere più facili da digerire una volta cotte.
  • Pollo o tacchino (al vapore o bollito): fonti magre di proteine, possono essere digerite in modo facile e hanno meno probabilità di irritare il tratto digestivo.
  • Brodi chiari: i brodi, soprattutto se preparati in casa e senza aggiunta di grassi, possono fornire idratazione e nutrienti essenziali senza appesantire lo stomaco.
  • Patate dolci cotte: ricche di vitamine, minerali e fibre, le patate dolci possono offrire un’ottima fonte di nutrienti facilmente digeribili.
  • Yogurt naturale con probiotici: gli yogurt naturali sono una buona fonte di probiotici, che possono aiutare a bilanciare la flora intestinale.
  • Avena: l’avena contiene fibre solubili che possono aiutare a ridurre l’infiammazione e a migliorare la digestione.
  • Pesce ricco di omega-3: pesci come il salmone, le sardine e il merluzzo sono ricchi di acidi grassi omega-3, noti per le loro proprietà anti-infiammatorie.

In questo contesto è bene ricordare che ogni persona può reagire in modo diverso agli alimenti, pertanto potrebbe essere necessario personalizzare la dieta in base alle tolleranze e alle reazioni individuali. È sempre consigliabile consultare un nutrizionista o un medico per ricevere consigli specifici e personalizzati sulla propria dieta in caso di colon infiammato.

I cibi da evitare

Nello specifico, gli alimenti da evitare quando il colon è infiammato sono:

  • Legumi: in particolare i fagioli, perché favoriscono la fermentazione e il gonfiore addominale
  • Cavoli e crucifere in genere
  • Edulcurati: aumentano il gonfiore, provocano meteorismo e diarrea
  • Cibi contenenti lattosio
  • Caffeina

Evitare i cibi grassi, inoltre, permette di ridurre il gonfiore addominale dopo i pasti

Per avere maggiori benefici dalla dieta è consigliabile assumere acqua e dosare la quantità di fibre. Ribadiamo che è sempre consigliato il supporto di un valido specialista che possa aiutare a stabilire una dieta bilanciata, diversificata e, soprattutto, personalizzata.

Cibi da evitare con colon infiammato

I probiotici: un rimedio efficace per l’infiammazione del colon

Come abbiamo detto, l’infiammazione del colon è un disturbo che provoca dolore e disagio in chi ne soffre. Oltre all’alimentazione, dunque, è altrettanto importante evitate situazioni stressanti, fare sport e riposare correttamente. 

Esistono però altri possibili supporti per il benessere del nostro intestino, utili a contrastare l’infiammazione del colon: gli integratori di probiotici.

Negli ultimi anni, gli integratori probiotici (come Vitalongum) si stanno affermando nel panorama medico e possono essere utili nel sostenere le terapie prescritte per la colite e per sfiammare il colon. L’aggiunta di probiotici alla dieta, infatti, può aiutare a ripristinare l’equilibrio della flora batterica intestinale, migliorando la digestione e l’assorbimento dei nutrienti. 

Vitalongum, ad esempio, è un integratore di probiotici concepito proprio per ripristinare  l’equilibrio del microbiota, nonché condizione essenziale per iniziare a mitigare la disbiosi e l’infiammazione intestinale.

Assumere regolarmente gli integratori Neobilive a base di tre ceppi unici di Bifidobacterium longum, Prebiotici FOS, Selenio e Zinco, può quindi contribuire a migliorare la salute del colon, riportando l’intero organismo in armonia.

Acquista ora Vitalongum e prenditi cura di te e del tuo amato intestino.

Il probiotico scelto da 30mila persone come te

⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️ 4,8/5 (+700 RECENSIONI)

⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️
4,8/5 (+700 RECENSIONI)

Se stipsi, gonfiore, colon irritabile, infiammazioni o diarrea ti accompagnano da sempre, l’integratore Vitalongum fa per te! Il nostro probiotico giornaliero favorisce da anni il riequilibrio della flora batterica intestinale di migliaia di persone, in modo 100% sicuro e naturale.

FINO AL 30% DI SCONTO + SPEDIZIONE GRATUITA

× Serve aiuto?